informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Paura del giudizio degli altri: i migliori consigli per superarla

Commenti disabilitati su Paura del giudizio degli altri: i migliori consigli per superarla Studiare a Pescara

La paura del giudizio degli altri ti blocca e inibisce le tue relazioni interpersonali?

Sei nel posto giusto: in questa guida parleremo proprio di come superare la fobia di essere giudicati, migliorando i tuoi rapporti con gli altri e la stima che hai di te stesso.

Il timore di essere giudicati può spesso portare ad una modifica degli atteggiamenti di chi ne soffre: queste persone evitano di dire alla gente quello che vogliono davvero dirgli, non parlano durante le riunioni di lavoro, non chiedono un aumento.

Questa paura del giudizio dei genitori, dei conoscenti o degli amici è legata al desiderio di essere apprezzato da tutti in ogni momento. Questo è praticamente impossibile: per questo limitarti è un gioco a perdere che ti impedisce di esprimere il tuo vero potenziale e la tua personalità.

I consigli per non dare peso al giudizio degli altri ed essere felice

Tutti noi, ad un certo punto della nostra vita, siamo stati colpiti da qualcosa che qualcun altro ha detto di noi. Le parole possono essere offensive e farci sentire impotenti e vulnerabili. Col tempo, le parole e la percezione che gli altri hanno di noi possono effettivamente modellare le nostre credenze su noi stessi.

Questo può portare a temere il giudizio altrui e a compromettere relazioni, lavoro e situazioni sociali. Vediamo ora una serie di consigli utili su come superare la paura del giudizio degli altri e recuperare la fiducia in te stesso.

LEGGI ANCHE – Uscire dalla zona di comfort: ecco perché (e come) farlo

Il giudizio è praticamente inevitabile

Il primo consiglio che ti diamo è non provare a controllare i giudizi degli altri: non puoi decidere ciò che le persone pensano di te.

Forse non esprimeranno il loro giudizio davanti a te, ma ciò non significa che possano fermare un processo fisiologico del cervello. Cerca di spiegare cosa senti in modo che le persone che ti stanno giudicando costruiscano un rapporto empatico con te.  Quando c’è empatia, i giudizi hanno poco peso perché le persone riescono a mettersi nei tuoi panni e, magari, a rivedere la loro opinione su di te.

Analizza i tuoi punti di forza e debolezza

La paura delle persone può essere arginata rafforzando la sicurezza in te stesso. Il primo passo verso questa direzione è capire quali sono i tuoi punti di forza e le tue debolezze.

Se sai in cosa sei bravo e in cosa dovresti migliorare, è meno probabile che tu sia influenzato da ciò che gli altri dicono o pensano di te. Abbi fiducia nelle tue capacità e prendi coscienza delle tue mancanze meglio di chiunque altro.  Si tratta di sfruttare tutte le tue qualità e valorizzarle al meglio. Non permettere a nessuno di privarti della tua individualità e del tuo carattere.

LEGGI ANCHE – Forza di volontà: ecco come allenarla e non perderla mai

Investi su te stesso

Questo consiglio è strettamente correlato al precedente e riguarda proprio il concentrarti su te stesso e sulla tua crescita. A volte un giudizio  può anche essere preso come una critica costruttiva, uno spunto per migliorare e per lavorare sulle tue potenzialità.

Investire nella propria crescita personale significa fare quello che ami fare di più e, magari, portare avanti progetti che fino ad oggi non hai avuto tempo (o coraggio) di intraprendere.

Inizia, ad esempio, leggendo un libro sulla crescita personale, iscrivendoti in palestra, prendendoti qualche giorno di vacanza per staccare la spina. Se non stai facendo i passi necessari per superare le tue sfide personali, la strada da percorrere potrebbe non sembrare così edificante: datti degli obiettivi e impegnati per raggiungerli.

Lasciati “giudicare”

Superare la paura del giudizio degli altri significa anche concedersi la libertà di accettare i pareri altrui e di essere aperti nei confronti di eventuali critiche.

Non precluderti di aprirti agli altri: se ti accorgi di trattenerti per paura del giudizio, chiedi prima a te stesso “Quale giudizio temo verrà dalla mia apertura?”. Una volta identificata la paura, cerca di gestirla e di chiederti se ha davvero motivo di esistere. In ogni relazione, di qualunque natura, si rischia di essere giudicati, ma questo significa anche condividere esperienze ed emozioni con gli altri: non negarti il piacere di aprirti alle persone.

I giudizi non sono eterni

Il nostro cervello è in grado di ricordare un numero di informazioni limitate. Anche se gli altri esprimeranno giudizi su di noi, non sono abbastanza significativi da guadagnarsi un posto nelle nostre banche della memoria per l’eternità.

Quindi, quando qualcuno pronuncia un giudizio su di te, è probabile che giorni dopo quel giudizio abbia lasciato già la tua memoria.

Non rincorrere la perfezione

Se permetti che l’opinione di qualcun altro assuma un ruolo primario nella ta vita, questo finirà per minare alle fondamenta della tua autostima. Ricordati che sei tu il padrone della tua vita: ti conosci meglio di chiunque altro e dovresti conoscere il tuo valore. Devi avere fiducia in te stesso e nelle tue capacità. Riconoscere ciò in cui sei bravo e non avere la necessità di fingere di essere chi non sei.

Abbandona l’impulso di essere perfetto. Dai priorità ai tuoi bisogni personali e impedisci a chiunque altro di assumere il controllo sulla percezione che hai di te stesso.

Frasi sul giudicare: le parole da tenere a mente

Chiudiamo la nostra guida su come superare la paura del giudizio degli altri con le frasi sulle critiche da ricordare quando ti senti fragile e hai voglia di ritrovare un po’ di sicurezza in te stesso. Eccole qui:

  • Se giudichi le persone, non avrai tempo per amarle – Madre Teresa di Calcutta
  • Ogni persona che incontri sta combattendo una battaglia di cui non sai nulla. Sii gentile. Sempre – Platone
  • Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l’opera finisca senza applausi – Charlie Chaplin
  • Abbiate pure cento belle qualità, la gente vi guarderà sempre dal lato più brutto – Molière
  • Per giudicare un uomo bisogna almeno conoscere il segreto del suo pensiero, delle sue sventure, delle sue emozioni – Honoré de Balzac
  • La cosa più difficile, a tratti impossibile, è quella di conoscere se stessi, perciò facciamo quella più facile: giudicare gli altri – Anonimo
  • Mentre giudicate dal mio aspetto esteriore, in silenzio sto facendo la stessa cosa di voi, anche se il novanta per cento di possibilità che, in entrambi i casi, le nostre ipotesi siano sbagliate – Richelle E. Goodrich
  • L’amore è l’unico specchio dobbiamo usare per giudicare noi stessi e gli altri – Bodie Thoene
  • In generale, gli uomini giudicano più con gli occhi che con le mani, perché tocca a vedere a ciascuno, a sentire a pochi. Ognuno vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei – Niccolò Machiavelli

Per oggi abbiamo detto tutto sull’argomento: continua a seguire il blog dell’Università Niccolò Cusano di Pescara per news, consigli e approfondimenti sul mondo degli studenti a 360 gradi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali