informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Uscire dalla zona di comfort: ecco perché (e come) farlo

Commenti disabilitati su Uscire dalla zona di comfort: ecco perché (e come) farlo Studiare a Pescara

Uscire dalla zona di comfort è uno dei passaggi più difficili da realizzare, soprattutto perché ci mette davanti alla paura di fare il primo passo.

La capacità di correre dei rischi uscendo dalla tua zona comoda è sicuramente il modo migliore per crescere, per sfidare te stesso e metterti davanti a nuove opportunità.  Per fare questo salto, dovrai in un certo senso rompere le catene della paura e trovare il coraggio necessario per affrontare ciò che più ti mette in difficoltà, dalle attività più abbordabili a quelle più complesse.

Tenere un discorso in pubblico, illustrare un progetto di lavoro importante, affrontare una competizione: queste sono solo alcune delle situazioni che potrebbero darti del filo da torcere e che dovrai affrontare nella tua carriera universitaria e non solo.

In questa guida ti spiegheremo che cosa intendiamo per comfort zone, perché dovresti uscirne e quali sono i modi migliori per farlo. Se sei pronto, iniziamo subito.

Ecco come uscire dalla comfort zone e raggiungere i tuoi obiettivi

Devi tenere un discorso, ma la folla ti terrorizza. Sai che è il momento giusto per chiedere un aumento di stipendio, ma non sai come affrontare il coraggio di avvicinarti al tuo capo. Il lavoro che stai facendo ora non soddisfa più, ma trovare qualcosa di nuovo è spaventoso. Come fare per superare questi blocchi? Devi uscire dalla zona di comfort. Ecco i consigli dell’Università Niccolò Cusano per intraprendere questo processo.

LEGGI ANCHE – Poteri della mente: quello che devi sapere per potenziare il cervello

comfort zone

Zona di comfort: una definizione

Quando parliamo di zona di comfort facciamo riferimento ad un concetto psicologico che può aiutarti ad abbracciare i rischi e apportare cambiamenti nella tua vita, fino ad ottenere una crescita personale reale.

Volendo definire la comfort zone, possiamo dire che si tratta di

“Uno spazio comportamentale in cui le attività e i comportamenti si adattano a una routine e un modello che riduce al minimo lo stress e il rischio”

Da questa definizione, deduciamo che nella zona di comfort ritroviamo un senso di familiarità, sicurezza e certezza. Quando usciamo dalla nostra zona di comfort, stiamo correndo un rischio e ci apriamo alla possibilità di stress e ansia; non siamo abbastanza sicuri di cosa accadrà e di come reagiremo.

In altre parole, la nostra zona di comfort è il posto in cui siamo più a casa. Chiaramente, uscire dalla zona di comfort, seppur espone a qualche rischio in più, può creare le condizioni per prestazioni ottimali.

Pensaci: hai mai fatto qualcosa di cui andavi veramente fiero quando eri in modalità pilota automatico?

Perché uscire dalla comfort zone

Secondo alcuni, “la vita inizia alla fine della tua zona di comfort“. Ma quali sono le ragioni per la quale uscire dalla tua comfort zone rappresenterebbe la scelta migliore per te? Eccone alcune:

  • Sfidare te stesso e crescere: fare un passo fuori dalla propria zona di comfort è un fattore importante, quasi universale, nella crescita personale. Come possiamo aspettarci di evolvere nelle nostre vite e carriere se ci limitiamo solo all’abitudine e alla routine?
  • Provare cose nuove migliora la creatività: diventando una persona che prende regolarmente rischi calcolati, sfida se stesso e cerca cose nuove, coltiverai l’apertura all’esperienza. Con l’esperienza si innescano l’immaginazione e la curiosità, spinte propulsive per il tuo lato più creativo;
  • Assumere dei rischi e invecchiare meglio: le nostre zone di comfort tendono a ridursi quando invecchiamo, ma se riusciremo a espanderci, ci apriremo ad una maggiore soddisfazione e miglioreremo il benessere man mano che invecchiamo. In uno studio americano del 2013 è stato dimostrato che l’apprendimento di nuove e impegnative capacità può aiutarci a rimanere reattivi mentre invecchiamo.

Come uscire dalla zona di comfort: 5 consigli

Abbiamo visto perché uscire dalla zona di comfort è utile per crescere e per stimolare alcuni aspetti della personalità. ma quali sono, nel concreto, le azioni da intraprendere? Ecco 5 consigli per superare i tuoi limiti e metterti alla prova.

1 – Sfida te stesso con piccole attività

La prima cosa da fare per superare il disagio è identificarlo e affrontarlo a piccole dosi. Come? Conduci delle attività che ti mettono a disagio e che, in qualche modo, ti fanno gravitare fuori dalla tua comfort zone.

Negozia il prezzo di una cena in un ristorante, abbraccia un estraneo, entra in contatto telefonico con una persona che reputi interessante ma che non hai mai avuto il coraggio di abbordare. Se non sei pronto per fare un grande salto, fai un piccolo passo avanti.

2 – Allenati

Esistono degli esercizi per uscire dalla zona di comfort? Sicuramente si: una delle cose che devi fare assolutamente è immaginarti lo scenario peggiore in cui potresti trovarti assumendoti determinati rischi,

Poniti domande come:

  • Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere?
  • In che modo potrei reagire?
  • Qual è il meglio che potrebbe accadere?
  • Io o gli altri ne potremmo trarre beneficio?
  • Ci sono aspetti negativi nel rimanere dove sono?
  • Cosa mi trattiene?

La cosa migliore sarebbe scrivere le risposte a queste domande su un foglio e riflettere sulla panoramica che vedrai sotto gli occhi.

3 – Vivi il fallimento come un’opportunità

Molti di noi hanno così tanta paura di fallire che preferirebbero la prospettiva di non fare nulla all’idea di inseguire sogni e progetti.

Inizia a trattare il fallimento come insegnante. Che cosa hai imparato dall’esperienza? Come puoi portare quella lezione alla tua prossima avventura per aumentare le tue possibilità di successo?

Il fallimento non è qualcosa da demonizzare e può essere trasformato in opportunità se vissuto in modo sano.

4 – Accetta la tua vulnerabiltà

Puoi giocare sul sicuro e fare sempre la cosa più prevedibile, oppure puoi spingerti un po’ più in là e assumerti dei rischi. Uscire dalla tua zona di comfort ti farà sentire più vulnerabile, perché sarai più esposto: questa è una parte cruciale del processo.

Avrai paura. Ma andare avanti – pur sapendo che il fallimento è una possibilità – ti aiuterà a impostare obiettivi nuovi e più alti e a sfidare te stesso, cercando di migliorarti e di crescere.

Avere paura è normale quando si approcciano nuove cose: l’importante è saperla dominare e non lasciarsi sopraffare da questo sentimento.

5 – Visualizza il successo

Spesso quando viene chiesto alle persone di uscire dalla loro zona di comfort, pensano a tutte le cose che potrebbero andare storte. Invece, chiudi gli occhi e visualizza chiaramente come si presenta un risultato positivo. Dove sei? Chi è con te? Cosa fai? Come percepisci il successo?

Crea quell’immagine potente ogni volta che senti la paura uscire dalla tua zona di sicurezza, fissala nella mente e ricercala quando hai bisogno di un’iniezione di fiducia.

6 – Coinvolgi altre persone

Capita spesso di sentirsi spli nella paura dell’ignoto. Quando provi qualcosa di nuovo, chiedi ad un amico fidato, un collega o un mentore di poter condividere le tue preoccupazioni e i tuoi timori.

Chiedi loro come hanno superato la loro paura di uscire dalla loro zona di comfort. Non solo questa collaborazione ti darà una spalla su cui appoggiarti, ma imparerai anche nuovi trucchi del mestiere su come correre il rischio.

Come avrai capito, per intraprendere questo percorso servono tempo e tranquillità. fondamentali per vivere il tutto con serenità e superare la paura. Siamo certi che, grazie ai nostri consigli, riuscirai a sfidare te stesso e a porti nuovi ed ambiziosi obiettivi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali