informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 7 cose da ricordare se vuoi fare una buona impressione a lavoro

Commenti disabilitati su Le 7 cose da ricordare se vuoi fare una buona impressione a lavoro Studiare a Pescara

Tutti vorremo fare una buona impressione sul lavoro, specialmente agli inizi. Quando entriamo in un team già consolidato, amiamo essere visti nel miglior modo possibile. Andare d’accordo con i colleghi e creare un ambiente rispettoso e propositivo è, dunque, la priorità di molti.

C’è anche un’altra faccia della medaglia: fare buona impressione a lavoro è spesso motivo di ansia da prestazione. Essere educati e rispettosi è sicuramente un buon inizio. Eppure, per quanto ci si impegni, qualcosa potrebbe andare storto: una gaffe, troppo desiderio di compiacere, una presentazione poco professionale, e da un piccolo errore si scatena la paranoia del dover recuperare ad ogni costo, andando magari a creare maggiori danni.

Tutto questo si amplifica se sei alle prime esperienze lavorative e non hai molta dimestichezza sugli atteggiamenti migliori da assumere. Per questo ti spiegheremo quali sono i comportamenti da adottare in diverse situazioni lavorative per fare una buona impressione su colleghi e capi. Iniziamo subito.

Nuovo lavoro? Ecco come fare subito una buona impressione

Sei appena stato assunto, hai un nuovo lavoro e sai che una buona impressione è tutto. Continua nella lettura e scopri i migliori consigli sugli atteggiamenti da adottare, ma anche come presentarsi ai nuovi colleghi e gli errori da non fare quando si inizia un nuovo lavoro.

#1 – Presentati ai tuoi nuovi colleghi

Come presentarsi ai nuovi collaboratori? Questo è sicuramente un aspetto fondamentale e spesso ignorato, lasciato un po’ al caso. Non è così. Partire con il piede giusto con i propri colleghi significa, ad esempio, cercare di ricordare i loro nomi. A nessuno piace che ci si dimentichi del proprio nome e uno studio ha affermato che quando una persona sente pronunciare il proprio nome, è molto più predisposta ad ascoltare ed è più compiaciuta.

Un modo per memorizzare i nomi può essere ripeterli non appena ti vengono detti: “Salve, piacere. Io sono Gaia” “Piacere di conoscerti, Gaia” Dimostrerai inoltre che desideri integrarti con il gruppo di collaboratori.

Non solo: presentarsi ai nuovi colleghi significa anche sforzarsi per integrarsi all’interno del gruppo. Partecipa alle riunioni, ma anche a tutti i momenti di svago come le pause pranzo. In questo modo avrai la possibilità di farti conoscere di più e creare nuovi legami sul lavoro.

LEGGI ANCHE >> “Non riesco a trovare lavoro”: ecco come sbloccare la situazione

#2 – Sii umile

L’umiltà è un pregio che le altre persone riconoscono e apprezzano, specialmente se si è appena arrivati e si sta ancora imparando. Fare il “saputello”, il presuntuoso, ti renderà solamente meno affabile agli occhi degli altri.

Finché non avrai una certa autorità nel tuo campo, non potrai permetterti di far credere che ti senti il meglio del meglio. E anche una volta che sarai esperto, poniti sempre con semplicità e modestia. Ciò non vuol dire che se noti errori non devi riferirli, anzi. Ma fallo con discrezione e con spirito di collaborazione, non di superiorità. Inoltre, se vieni rimproverato per qualcosa, e a ragione, non cercare di svincolarti e accampare scuse. Piuttosto accetta le critiche come un modo per rimediare, per imparare.

#3 – Offri la tua disponibilità

Una buona impressione a lavoro passa per la tua disponibilità. Sii sempre disponibile verso colleghi e manager e ascolta le loro necessità.

Ad esempio, se stai facendo uno stage in azienda, potresti metterti a disposizione dei tuoi colleghi più “anziani” per apprendere da loro quanto più possibile, in cambio del tuo tempo.

Mostrarsi disponibili significa marcare il proprio impegno e anche mostrare gratitudine e merito, non scordarlo.

#4 – Arriva puntuale

Uno degli errori da non fare quando si inizia un nuovo lavoro è in assoluto arrivare tardi. Che sia il primo giorno o quelli successivi. Arriva sempre puntale e risposato, e, se necessario, arriva anche in anticipo, così da evitare ansie. Essere puntuali a lavoro è una di quelle apparenze che sono fondamentali per inquadrare una persona.

Puntualità denota impegno e precisione, fondamentali in qualsiasi posizione lavorativa.

#5 – Rispondi alle domande che ti vengono rivolte

Altra regola sul come presentarsi ai nuovi colleghi e fare buona impressione a lavoro è rispondere a tutte le domande che ti vengono rivolte, con discrezione e senza apparire infastidito. È normale che alcuni colleghi, nei primi giorni, vogliano conoscerti meglio e inquadrarti. Non prenderla male, anche se sei una persona riservata. È solo un modo per rompere il ghiaccio e per farti sentire più integrato.

Piuttosto, rispondi sempre con cautela, alcune domande potrebbero essere una “trappola”, come il motivo per cui hai lasciato il precedente lavoro. Questo tipo di domanda non dovrebbe scendere nei particolari e sì, dire che i colleghi precedenti non erano il massimo, non aiuterà a costruire un buon rapporto con quelli nuovi.

LEGGI ANCHE >> Come usare LinkedIn per trovare lavoro: la nostra guida

#6 – Evita di parlare male del vecchio lavoro (e del vecchio capo)

Come ti abbiamo detto, uno degli errori da non fare quando si inizia un nuovo lavoro è iniziare a parlare male del vecchio lavoro e del vecchio capo. Evita assolutamente di farlo, perché potrebbe ritorcerti contro!

Ti potrebbero fare domande sul motivo che ti ha spinto a lasciare il tuo precedente impiego e qui, arriva il bello. Non dire bugie, se te ne sei andato veramente perché non ti trovavi bene, è legittimo, ma allora non dire il contrario, ma nemmeno che è così.

Ecco cosa potresti dire invece:

  • avevo voglia di rimetterti in gioco
  • volevo provare qualcosa di nuovo, una nuova sfida, nuovi stimoli
  • desideravi affinare le mie competenze e aggiungerne di nuove”

Non dimenticarti di dire anche “avevo sentito parlare bene di questa azienda, per cui ho inoltrato la candidatura”.

Il vero motivo per cui hai lasciato il lavoro, lo potrai dire più avanti, con le persone di cui ti fidi di più.

#7 – Ascolta sempre con attenzione

Prendi i primi giorni come fase di addestramento e inserimento. Dovrai cercare di incamerare quante più informazioni possibili. Per fare questo, annota tutto ciò che è importante e fai domande quando qualcosa non è chiaro. Non potrai fare domande all’infinito e sempre sulle stesse cose, perché potresti sembrare una persona che non presta attenzione. Renditi autonomo e non disturbare i colleghi inutilmente. Dimostrerai una forte capacità di adattamento.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali