informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Parlare di pregi e difetti al colloquio di lavoro? Ecco cosa dire

Commenti disabilitati su Parlare di pregi e difetti al colloquio di lavoro? Ecco cosa dire Studiare a Pescara

Parlare di pregi e difetti ad un colloquio di lavoro è molto comune: capita spesso, infatti, che il selezionatore chieda al candidato di illustrare i suoi punti di forza e i suoi punti di debolezza.

Durante i colloqui di lavoro, ci sono alcuni tipi di domande che i datori di lavoro tendono a fare, indipendentemente dalla posizione e dalla società. Tra queste, “Quali sono i tuoi punti di forza?”, “Quali sono le tue debolezze?”, “Perché dovremmo assumere te?” sono tra le domande più gettonate in assoluto.

Le tue risposte a queste domande possono dire molto sulla tua personalità e possono realmente fare la differenza nella conquista del posto di lavoro nell’azienda dei tuoi sogni. Essere pronto a qualunque domanda che potresti ricevere ad un colloquio ti darà un vantaggio competitivo importante rispetto agli altri candidati. In questa guida ti spiegheremo come rispondere alle domande di un colloquio di lavoro che riguardano i tuoi pregi e difetti. Iniziamo subito.

Ecco come rispondere alle domande su pregi e difetti in un colloquio

Durante il colloquio di lavoro capita spesso che il selezionatore ti chieda di raccontare un pregio e un difetto, o meglio “un punto di forza e un punto di debolezza”. Ma come rispondere a questa domanda senza farti trovare impreparato? Vediamolo nei prossimi paragrafi di questa guida.

LEGGI ANCHECome usare LinkedIn per trovare lavoro: la nostra guida

“Qual è la tua più grande debolezza?”

Quando si parla di pregi e di difetti al colloquio di lavoro, solitamente lo si fa chiedendo di parlare di punti di forza e punti di debolezza.

Alla domanda “Qual è la tua più grande debolezza?” si può rispondere in diversi modi. Si possono citare, ad esempio, le abilità che non sono fondamentali per il lavoro o portare alla luce abilità che hai migliorato o che stai cercando di migliorare.

Se stai svolgendo un colloquio per lavorare come psicologo, potresti dire ad esempio che non sei particolarmente adatto a condurre presentazioni di gruppo. Allo stesso tempo, è utile chiudere sempre la risposta con qualcosa di positivo; potresti aggiungere che sei molto bravo nella comunicazione uno-a-uno con i pazienti, riportando magari una situazione tipo che mette particolarmente in luce questa tua abilità.

Un altro approccio per rispondere a questa domanda è parlare di tutte quelle skills che hai migliorato durante il tuo precedente lavoro o che stai attualmente migliorando.  Questo dimostra all’intervistatore che sei comunque impegnato nella crescita e nello sviluppo delle tue competenze, una dote decisamente molto apprezzata.

“Qual è il tuo punto di forza?”

Così come abbiamo parlato di pregi, veniamo ora ai difetti e alle possibili risposte da dare alla domanda “Qual è il tuo punto di forza?”

Il modo migliore per rispondere è descrivere le competenze e l’esperienza che hai maturato in modo da far capire a chi hai di fronte che sei perfettamente adatto per ricoprire il ruolo per cui ti sei candidato.  Leggi bene l’annuncio di ricerca e cerca di capire quali sono le attitudini desiderate dall’azienda: a questo punto, potresti adattare le tue abilità seguendo la terminologia usata dallo stesso datore di lavoro.

Prima di andare al colloquio, pensa ad un elenco di punti di forza particolarmente interessanti, che possono riguardare istruzione o formazione, competenze trasversali, competenze tecniche o esperienze lavorative passate. Restringi la tua lista di abilità fino a tre/cinque abilità particolarmente forti. Accanto a ogni abilità, pensa ad un esempio di come l’hai sfruttata in passato.

Le risposte da evitare

Quando si parla di pregi e difetti ad un colloquio di lavoro ci sono anche delle risposte da evitare. Vediamo quali sono:

  • Risposte troppo generiche: le risposte troppo vaghe che non danno alcun valore aggiunto sono da evitare. Meglio essere sinceri e non usare giri di parole: rischieresti solo di mettere in luce la tua insicurezza;
  • Risposte troppo aggressive: soprattutto quando si parla di pregi, evita di rispondere con toni aggressivi o saccenti. Ad esempio, una risposta da evitare potrebbe essere: “Sono un manager con una comprovata esperienza, quindi è chiaro che questo posto sia perfettamente alla mia portata”;
  • Risposte troppo lunghe: non fare una “lista della spesa” dei pregi e dei difetti da sottoporre al selezionatore. Ne bastano tre per ogni categoria. Evita le risposte-fiume come ad esempio: “Mi reputo intelligente, preparato, capace di lavorare in team, predisposto all’apprendimento, puntuale, determinato, orientato al risultato…”. Insomma, spesso la strada del minimalismo è la migliore da percorrere;
  • Risposte troppo drammatiche: quando il selezionatore ti chiede una tua debolezza, evita di drammatizzare e di dare risposte troppo cupe. Cerca, piuttosto, di far vedere comunque il lato positivo anche della tua debolezza. Non troncare dicendo: “Non so lavorare in team e probabilmente non saprò farlo mai”.

Su come rispondere alle domande su pregi e difetti al colloquio di lavoro abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che prepararti al meglio e conquistare la posizione dei tuoi sogni.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali