informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il copyright e cosa disciplina: ecco quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su Cos’è il copyright e cosa disciplina: ecco quello che c’è da sapere Studiare a Pescara

Cos’è il copyright? Questa è una delle domande più frequenti fra gli studenti di diritto e non solo: la materia è estremamente complessa e tocca una serie di ambiti diversi, da esaminare con attenzione.

In Italia, per copyright intendiamo designare il concetto di diritto d’autore dei paesi di common law, come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, dal quale però differisce, sotto vari aspetti.

Il termine viene però internazionalmente usato anche per indicare anche la normativa sul diritto d’autore degli ordinamenti non di derivazione anglosassone. Il suo simbolo è ©, ma può essere indicato anche con la lettera C fra parentesi.

Ma vediamo ora, concretamente, la definizione di copyright e quali sono le disposizioni normative che regolano questo concetto, nel nostro Paese e non solo.

Quello che devi sapere su copyright e diritto d’autore

Spesso, nella nostra vita quotidiana, ci imbattiamo nel concetto di copyright. Si tratta di un concetto che ha origine nell’Inghilterra del XVI secolo, con l’obiettivo di controllare le opere pubblicate nel territorio. In questa guida dell’Università Niccolò Cusano parleremo proprio di cos’è il copyright e della legislazione in materia, oltre ad un percorso di studi utile per approfondire tutto questo.

Se sei pronto, iniziamo subito.

LEGGI ANCHE – Innovation manager: quello che devi sapere su questa nuova professione

Copyright: una definizione

La prima domanda a cui vogliamo rispondere in questa guida è: cos’è il copyright? Il copyright fa riferimento al sistema di normative afferenti al diritto d’autore a tutela della paternità e dello sfruttamento commerciale di opere di carattere creativo.

Come abbiamo accennato, questo concetto affonda le sue radici nell’Inghilterra del XVI secolo, quando la monarchia inglese emanò i primi provvedimenti in materia. Ciò si rese necessario perché la stampa permetteva di stampare numerose copie di un’opera, rischiando di tralasciare i diritti propri dell’editore.

Con lo Statuto della Regina Anna del 1709, l’Inghilterra introdusse il concetto moderno di copyright, garantendo – allo stampatore di un’opera – una protezione legale della durata di 14 anni.

C’è una differenza di base, infatti, tra il concetto di copyright anglosassone e quello francese (e anche italiano): nel primo caso, il copyright è inteso nell’accezione di diritto patrimoniale; nel secondo si mette al centro la persona, dunque l’autore dell’opera.

Per fare chiarezza:

  • Il copyright nei sistemi anglosassoni nasce con il deposito dell’opera all’Ufficio Copyright;
  • Il diritto d’autore si acquista con la semplice creazione dell’opera, espressione del lavoro intellettuale, senza che sia necessario alcun deposito formale dell’opera.

Cosa tutela il copyright e come funziona

In Italia, il diritto d’autore è un istituto che tutela le opere di carattere creativo.

Ma che cosa intendiamo, nello specifico, per opere di carattere creativo? Sulla base dell’art 1 LA (Legge sul diritto d’Autore) le opere dell’ingegno di carattere creativo appartengono a:

  • Letteratura
  • Musica
  • Arti figurative
  • Architettura
  • Teatro
  • Cinematografia

È bene sottolineare che l’elenco previsto dall’art. 1 LA è considerato esemplificativo: ne consegue che la protezione sia da considerarsi estendibile anche ad opere diverse da quelle espressamente indicate.

Come si ottiene il diritto d’autore

Nel nostro Paese, per ottenere il diritto d’autore, non serve depositare l’opera, come accade ad esempio con il deposito dei brevetti o dei marchi. Per avere la paternità di un’opera, è necessario dimostrare di esserne gli autori e di avere creato l’opera prima di altri.

Per facilitare questa operazione, è consigliabile un deposito dell’opera presso un ente che ne certifichi la data: generalmente, in Italia, questo ruolo è assunto dalla SIAE, che rilascia un attestato di deposito, ma che non vigila sulle eventuali violazioni.

Tutele

Attraverso il copyright, l’autore detiene il diritto esclusivo di utilizzare l’opera e può autorizzarne o rifiutarne la riproduzione, la distribuzione, l’esecuzione o la rappresentazione.

Da qui ne consegue che, in assenza di consenso da parte dell’autore, non è possibile appropriarsi di un’opera o sfruttarne i diritti, anche se l’opera è presente su canali di comunicazione come Internet.

In caso di violazione del diritto d’autore, sono previste diverse sanzioni, sia civili che penali, che variano a seconda della violazione commessa. Tali sanzioni possono inasprirsi se chi utilizza l’opera senza aver ottenuto il consenso dell’autore, lo fa a scopo di lucro.

Quanto dura il diritto d’autore

Secondo l’art. 25 LA, il diritto di utilizzazione economica dell’opera ha una durata pari a tutta la vita dell’autore e fino a settanta anni dopo la sua morte. Decorsi questi termini, le opere diventano di “pubblico dominio” per cui si possono pubblicare liberamente le opere di autori che siano deceduti da più di settanta anni.

Utilizzi senza consenso delle opere

Ci sono dei casi in cui è possibile utilizzare opere protette dal diritto d’autore senza richiedere il consenso. Parliamo, ad esempio, di:

  • Riassunto
  • Citazione
  • Riproduzione di brani o di parti di opera se effettuati per uso di critica o di discussione, oppure per fini di insegnamento, sempre che non vi sia un fine commerciale;
  • Immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico, sempre se non vi è scopo di lucro.

Studiare il diritto d’autore all’Unicusano

Ora che abbiamo visto cos’è il copyright e come funziona, vediamo quali sono i percorsi di studio in cui questa tematica viene affrontata con diverse chiavi di lettura.

Devi sapere che il diritto d’autore si applica anche alle opere di carattere digitale. Il Master I Livello in Sicurezza delle reti informatiche riprende questo concetto nel suo piano di studi, approfondendo nel dettaglio l’applicazione del diritto d’autore nelle opere digitali.

Il nostro Master si rivolge a tutti coloro che intendono acquisire una formazione a 360° sulla sicurezza informatica, al fine di gestire pienamente, dal punto di vista organizzativo e normativo, il processo di sicurezza aziendale e poter attuare piani di intervento volti alla risoluzione delle eventuali minacce causate da un impiego scorretto delle tecnologie informatiche.

I candidati ideali per questo percorso di studi sono laureati almeno di I livello in Informatica, Ingegneria, Fisica, Matematica, Statistica.

La didattica del nostro Master è erogata online, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24.

Il percorso di studi, della durata di un anno accademico, tratterà tematiche come:

  • Aspetti teorici ed implementativi dei sistemi operativi di rete
  • Fondamenti sicurezza dei sistemi e delle transazioni telematiche. Area Tecnologica Sistemi operativi
  • Reti informatiche
  • Meccanismi di sicurezza
  • Gestione operativa dei sistemi e delle reti informatiche – Sicurezza aziendale
  • Legislazione vigente nazionale ed extra-nazionale nell’ambito della sicurezza – Tutela della privacy – Copyright di materiale digitale – Computer forensic

Il costo di questo Master è di:

  • € 2.300,00 da erogare  in 4 rate
  • € 2.100,00, da erogare in due rate, per laureati in discipline ingegneristiche ed economico-giuridiche da meno di 24 mesi, laureati Unicusano e dipendenti della P.A.

Su cos’è il copyright e sulla sua funzione abbiamo detto proprio tutto, per oggi: per iscriverti al nostro Master, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali